Ebook vs. libri di testo tradizionali: pro e contro

Che a scuola servano i libri nessuno lo mette in dubbio. Sulla forma che debbano avere, invece, si discute parecchio, da quando, più di cinque anni fa, anche nella nostra scuola sono stati introdotti i libri digitali: in teoria, almeno, perché in pratica gli ebook come testi scolastici si usano ancora troppo poco.

Vediamo allora quali sono i pro e i contro degli ebook rispetto ai testi scolastici tradizionali.

 

  1. Didattica e apprendimento

Pro

  • Si impara più velocemente: già alcuni anni fa l’indagine “Digital Textbook Playbook” del Department of Education degli Stati Uniti rilevava che l’uso della tecnologia riduce i tempi di apprendimento dal 30 all’80%.
  • Si impara meglio: i risultati dell’indagine di Impara Digitale smentiscono la convinzione che il digitale interferisca con la lettura e la scrittura; statisticamente, anzi, si impara a scrivere e a leggere con meno errori, anche di ortografia.
  • L’apprendimento è multimediale e interattivo: gli ebook offrono funzionalità utili anche per acquisire nuovi linguaggi.

Contro

  • Meno concentrazione: secondo un recente sondaggio, i ragazzi più grandi ritengono che studiare sui libri cartacei aiuti a concentrarsi meglio.

 

  1. Sviluppo delle abilità tecnologiche

Pro

  • Uso consapevole della tecnologia: i bambini acquisiscono capacità tecnologiche e si abituano a un uso corretto degli strumenti digitali.

Contro

  • Uso eccessivo della tecnologia: molti genitori ritengono che almeno a scuola i propri figli non dovrebbero fare uso di strumenti digitali, ma preferire i libri tradizionali. Tuttavia, una ricerca dell’Università Bocconi ha rilevato che, all’insaputa dei genitori, molti alunni, anche delle elementari, portano a scuola gli smartphone e li usano di nascosto, soprattutto per copiare.

 

  1. Aggiornamento dei contenuti

Pro

  • Aggiornamento costante: a differenza dei libri cartacei, gli ebook permettono un aggiornamento continuo non solo dei testi, ma anche dei contenuti multimediali, con un vantaggio per la didattica e un risparmio di tempo e di soldi.

Contro

  • La necessità di un’infrastruttura adeguata: l’uso di libri digitali presuppone la possibilità tecnica di aggiornamento attraverso connessione Internet, reti wi-fi ecc.

 

  1. Caratteristiche fisiche

Pro

  • Meno peso e più spazio: un solo tablet o reader può contenere centinaia di testi digitali e pesa infinitamente meno di tutto il corredo di libri necessario per un anno scolastico. Questo permette di risolvere il problema degli zaini pesanti che riguarda molti alunni, soprattutto nelle scuole elementari e medie. E si riduce notevolmente anche lo spazio necessario per conservare i libri, a casa e in classe.

Contro

  • Problemi tecnici, rotture e perdite: un malfunzionamento del tablet richiede l’intervento di un tecnico e la riparazione o la sostituzione può essere costosa. L’uso degli ebook richiede un’attenzione maggiore da parte degli studenti rispetto al libro cartaceo.

 

  1. Costo

Pro

  • I libri digitali costano meno di quelli cartacei: nella scuola primaria i testi sono gratuiti, ma nella scuola media la spesa per l’anno scolastico in corso è in media di 286 euro per la prima classe, 111 per la seconda e 127 per la terza e alle superiori i costi salgono anche oltre i 300 euro all’anno.

Contro

  • È necessario acquistare un tablet o reader: è ovviamente un costo aggiuntivo, sebbene ormai abbastanza contenuto.

Che cosa pensi dell’uso degli ebook a scuola? Partecipa al nostro sondaggio e condividi la tua opinione nella nostra comunità Mamme&Mamme.


'Ebook vs. libri di testo tradizionali: pro e contro' non ha commenti

Vuoi essere il primo a commentare questo post?

E tu che ne pensi?

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicato.

Mamme in azione