Un Progetto per Dare Voce a Tutte le Mamme d’Italia

 

Mamme in Azione è il nome che abbiamo scelto per questo progetto civico che si pone l’obiettivo, come dice il nome, “nomina sunt consequentia rerum”, ovvero “i nomi sono conseguenti alle cose” – di porre al centro le donne, e in particolare le mamme con figli in età under 14 [ma naturalmente non saremo rigidi al riguardo], per sviluppare con loro, con voi, l’azione, appunto, delle mamme.

Il nostro obiettivo è quello di essere dei facilitatori per aggregare e dare voce a tutte le mamme d’Italia, ma ben vengano esperienze anche internazionali dalle quali trarre spunti di ispirazione ed azione.

L’idea è quella di un percorso “dal basso”, partecipato e condiviso il più possibile, senza gerarchie o vincoli, tranne quei pochi elementi necessari a una conversazione fondata su basi di mutuo rispetto, nel quale sviluppare insieme un viaggio per unire in modo positivo i diversi pezzi del puzzle della vita complicata di noi donne, e mamme.

Non abbiamo obiettivi di profitto, non troverete pubblicità in questo spazio. Anzi, volendo enfatizzare il concetto, per cercare di spiegarci ancora meglio, questo è un non spazio, una zona temporaneamente autonoma, per riprendere la filosofia di Hakim Bey, per creare un sistema non gerarchico basato sulle relazioni tra noi tutte.

Non siamo interessati a diventare famose, ed è per questo che tutti gli spunti che proveremo a fornire saranno semplicemente a cura della redazione, senza personalismi, e neppure ricchi, se non di spirito. Vogliamo semplicemente, per così dire, dare voce ai problemi, e, soprattutto, alle soluzioni possibili per migliorare la vita della mamme. Mettendoci al vostro, al nostro servizio, nell’accezione migliore del termine, per costruire assieme percorsi virtuosi condivisi che sappiano concretamente migliorare la complicata, ma anche piena di gioia, vita di noi mamme.

Come potete vedere, questo sito è scarno, essenziale. Non perché non avessimo le idee per riempirlo prima della vostra presenza, bensì perché vorremmo che fosse un foglio bianco sul quale scrivere insieme un percorso condiviso.

Abbiamo immaginato di raccogliere gli spunti di riflessione e di azione in quattro aree principali:

  • Mamme Attive. In questa area saranno ci occuperemo di tutte le tematiche inerenti la quotidianità e al relativo vissuto, identificando, come detto in un’ottica di crowdsourcing, le problematiche e soluzioni, opportunità e modalità per coglierle. In particolare, i temi che saranno affrontati verteranno sul lavoro e su come conciliare l’impegno lavorativo con quello familiare e di cura dei figli, la relazione con il coniuge/compagno di vita/padre, la progressiva affermazione della famiglia “allargata” e le implicazioni che ne derivano, le relazioni familiari con gli altri parenti, le proprie passioni e gli interessi extra lavorativi, la sfera sessuale, le ambizioni tradite o nascoste, la salute, nonché la politica, intesa come partecipazione civica.
  • Mamme & Mamme. Questa sarà l’area di libertà, di sogno, e perché no di utopia, e anche, con la dovuta attenzione al rispetto reciproco, di “sfogo” delle frustrazioni. Un luogo dove lasciarsi andare con un proprio pensiero, una riflessione, esprimendo appunto i propri sogni, ma anche inevitabilmente la propria rabbia, con la possibilità di denunciare angherie, torti subiti e quant’altro.
  • Mamme Civiche. Quest’area è concepita come un gruppo di auto-aiuto reciproco tra mamme. Una community dove le madri possano aiutarsi per risolvere le difficoltà legate alla quotidianità, ma anche di scambio di informazioni utili e buone pratiche che aiutino le mamme a risolvere le problematiche concrete che di giorno in giorno si presentano, da un buon idraulico per riparare la lavatrice a come fare per sbrigare quella pratica in Comune, ad esempio, passando per questioni anche più articolate e complesse
  • Di Madre in Figlio. Qui sono i figli a farla da padrone, infatti quest’area sarà dedicata proprio a loro. Verranno trattati tutti gli aspetti che riguardano la loro vita, con le relative differenze a seconda delle diverse fasce di età, quali la scuola, il tempo libero, la pratica sportiva, l’educazione civica, le regole di vita e come parlare e relazionarsi con la propria prole. Essere madre è un mestiere difficile, e talvolta faticoso, che non insegna nessuno. In questo ambito lo scambio di esperienze, di consigli, di buone pratiche troveranno spazio, dando soluzioni pratiche per affrontare le diverse situazioni che si generano nella gestioni dei propri figli, e ovviamente la condivisione di tali responsabilità e compiti con il proprio marito/compagno.

A queste quattro aree tematiche corrispondono altrettante comunità che abbiamo aperto nei giorni precedenti proprio per dare vita al confronto, alla conversazione e alle azioni che ne deriveranno nel tempo. Le potete trovare qui:

1) Mamme Attive —> http://bit.ly/2Pp1wgt

2) Mamme & Mamme —> http://bit.ly/32WNBSM

3) Mamme Civiche —> http://bit.ly/2JtLTRf

4) Di Madre in Figlio  —> http://bit.ly/2NhJj1J

Forse ti possono interessare anche la nostra pagina Facebook, il nostro account Twitter, e a breve, anche il nostro spazio su Instagram.

Nell’accezione comune veicolata dai media tradizionali i social vengono spesso accusati di distorsione delle notizie, le cosiddette “fake news”, e di altri fenomeni, quali ad esempio cyberbullismo, revenge porn, ed altro ancora.  Con la nostra iniziativa vorremmo invece dimostrare, anche, che la tecnologia, la Rete, e i social, sono un media, quantomeno, neutrale, e che dunque, come ogni altro mezzo o strumento, dipende da come questo venga utilizzato dalla persone.

Siamo infatti convinte che le piattaforme social possano assolutamente generare positività come strumento di aggregazione e coinvolgimento di persone, che pur non conoscendosi hanno problemi comuni, e incontrandosi online discutono e creano soluzioni. Per questo abbiamo stilato delle, poche, regole di convivenza civile di dibattito e confronto, che siamo certi vi troveranno d’accordo.

Se hai letto fin qui, probabilmente ti starai chiedendo chi siamo. La principale promotrice di questo progetto, naturalmente, è donna, e mamma, che crede che ci sia bisogno di uno spazio ampio e condiviso dedicato alle donne, e in particolare alle mamme, e per questo ha scelto di dare il suo contributo a questa iniziativa. Si tratta di Paola Carinelli, che con questa sua iniziativa personale, civica e non politica, nel senso di partito, come abbiamo detto, vuole anzi aggregare anche altre realtà composite e articolate.

Ben trovate a voi tutte. Naturalmente questo è solo l’inizio del percorso che vogliamo fare insieme a voi.



'Un Progetto per Dare Voce a Tutte le Mamme d’Italia' have 3 comments

  1. 5 Novembre 2019 @ 18:22 Giovanna

    Che bello!! Sarà interessante riunire tante opinioni e farle convivere in uno schermo 😉ci sto. BELLISSIMO!!

    Reply

  2. 27 Novembre 2019 @ 05:14 Gli Obiettivi di Mamme in Azione |

    […] circa due settimane da quando è nato ufficialmente “Mamme in Azione”. Allora abbiamo provato a spiegare perché abbiamo dato vista a questa iniziativa civica, ma oggi crediamo giusto, e forse necessario, […]

    Reply


E tu che ne pensi?

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicato.

Mamme in azione